0 0
Read Time:15 Minute, 22 Second

tmz.com

SFERA METALLICA CHE SORVOLA L’IRAQ…Accanto all’aereo spia nella foto appena rilasciata

Gli UFO rimangono un argomento di divisione: alcune persone semplicemente non crederanno nella possibilità, ma una nuova immagine catturata all’estero sta rendendo più difficile contestare la loro esistenza.

Gli esperti Jeremy Corbell e George Knapp hanno rivelato l’immagine bomba del “Mosul Orb” martedì mattina sul loro podcast, “Weaponized”… dicendo che proviene da un breve videoclip girato nel 2016 nel nord dell’Iraq.

Sicuro di dire che questa cosa non è identificata – Jeremy dice che il globo luccicante è stato mostrato come parte di un video di briefing riservato sull’argomento degli UFO, mostrato alle agenzie governative statunitensi.

Dice che l’oggetto misterioso è stato catturato dalla telecamera mentre volava accanto a un aereo spia senza cambiare altitudine.

WEAPONIZED con Jeremy Corbell e George Knapp

Abbastanza snervante … Jeremy e George analizzano in dettaglio le possibilità del fenomeno, oltre a quanto sia impossibile per imbarcazioni come questa prendere il volo.

Sembra che Jeremy e George lasceranno cadere anche un mucchio di altre prove mentre il pod continua.

 Il fisico di Harvard Avi Loeb si è recentemente unito a noi su “TMZ Live” per discutere della crescente minaccia degli UFO … dicendoci che il governo probabilmente non sa niente degli oggetti che stanno osservando.

https://www.tmz.com/2023/01/24/ufo-sighting-orb-photo-iraq-city-mosul-spy-plane-footage/?adid=share-fb&fbclid=IwAR0GyHG3SgdDG-5sQqPfdjA_3BgDH78NlO0lJ3Zso-UIeNgt4nC_SX_08Gg

https://earth.google.com/web/search/36.3276008,43.1841897+/@36.32755774,43.18410959,222.85659738a,137.78980838d,35y,7.10604547h,0t,0r/data=ClkaLxIpGVwSsdLuKUJAIUnhMIeTl0VAKhUzNi4zMjc2MDA4LDQzLjE4NDE4OTcYASABIiYKJAlHS4hOWnNCQBElQTWgPBZBQBkYnt0Zt2lFQCFaonK3YBxCQA

Il sole è dietro ea destra della fotocamera, quindi
non rifletterebbe su una pozza di liquido sul terreno.

Alcuni utenti hanno segnalato anche un video dove , durante la guerra , vengono impiegati vecchi cannoni , io lo reputo comunque altamente improbabile

La Cina sta usando palloni riflettenti radar per difendere obiettivi critici da attacchi aerei

I palloncini hanno lo scopo di confondere i sensori e le armi dal sorvegliare e distruggere obiettivi chiave, ma potrebbero avere anche un’altra funzione.

https://www.thedrive.com/the-war-zone/china-seen-using-radar-reflector-balloons-to-defend-key-targets

L’Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) ha recentemente tenuto esercitazioni difensive congiunte con unità della milizia locale che includevano il dispiegamento di palloni vincolati con riflettori radar attaccati come mezzo per proteggere le infrastrutture critiche dagli attacchi aerei. Sebbene la tecnologia sia certamente molto meno sofisticata di molti moderni sistemi di difesa aerea provenienti dalla Cina o altrove, i palloni potrebbero ancora potenzialmente offrire un modo passivo a basso costo, facile da implementare per aiutare a difendere obiettivi critici da specifici tipi di attacchi in arrivo. attacchi da missili a lungo raggio e persino droni.

La televisione di stato cinese CCTV ha pubblicizzato le esercitazioni durante un segmento di notizie che può essere visualizzato qui . Soprannominate Zhejiang Golden Shield-22, le esercitazioni si sono svolte il 10 novembre e si sono concentrate principalmente sulla sperimentazione di vari metodi per proteggere le infrastrutture critiche e affrontare gli attacchi. Nel filmato, si possono anche vedere le truppe dell’EPL che ricoprono i serbatoi di stoccaggio del petrolio con coperture mimetiche. Le infrastrutture energetiche sono spesso un obiettivo ad alta priorità durante i periodi di guerra, come è stato esemplificato nel conflitto in Ucraina, che richiede una protezione rafforzata. “L’esercitazione si concentra sulle nuove minacce e sfide portate dalla guerra moderna alla difesa aerea urbana”, ha affermato un articolo pubblicato dal notiziario cinese Zhejiang News . “[Le esercitazioni sono state progettate] per esplorare nuovi metodi di addestramento e nuovi modi per proteggere importanti obiettivi economici petrolchimici” In una breve clip durante il segmento della CCTV, si possono vedere le truppe che sollevano palloni con riflettori radar attaccati a loro. Questi includono rombi e quelli di forma circolare. Non è chiaro se quelli circolari siano in grado di essere schierati anche all’interno dell’involucro del pallone, anche se farlo non è un concetto del tutto unico .

I riflettori radar di questo tipo non sono sofisticati, ma i dispositivi metallici efficaci sono talvolta indicati come riflettori angolari. Sono altamente riflettenti delle onde radar e, in questo caso, hanno lo scopo di mascherare la firma di un oggetto per confondere i sensori radar, in particolare quelli utilizzati dai missili a guida radar in arrivo o dagli aerei che utilizzano il radar per puntare le armi. Potrebbero persino interferire con velivoli e satelliti di sorveglianza dotati di radar ad apertura sintetica a lungo raggio, specialmente quando si osservano da lontano ad angoli poco profondi.

È possibile che questi palloni possano anche interferire con i sistemi di puntamento a infrarossi per immagini che esistono su alcuni sistemi missilistici, in particolare i tipi di missili da crociera. Questi sistemi sono di natura passiva, rendendo i missili che li trasportano più difficili da rilevare. Abbinano immagini o modelli 3D dell’oggetto bersaglio a un database per identificarlo positivamente e far eseguire il loro attacco finale estremamente preciso. Tutto questo viene svolto in autonomia. La presenza dei palloni potrebbe confondere questi sistemi, anche se ciò dipenderebbe probabilmente dal loro livello di capacità.

Tuttavia, quanto sia robusto uno scudo che forniscono è altamente discutibile. La Cina ha investito molto nella comprensione delle contromisure a vari missili a guida radar, compresi i riflettori radar, negli ultimi tempi, quindi è improbabile che si tratti di una tattica futile. Indipendentemente da ciò, potrebbero potenziare altri sistemi di difesa aerea cinetica e non cinetica che assumono un ruolo più attivo nella difesa di aree bersaglio chiave e/o essere utilizzati dove sistemi di difesa aerea più capaci non sono disponibili per fornire protezione.

Abbiamo visto tattiche simili schierate dalla Russia in Ucraina. Le contromisure del riflettore radar sono state installate in più punti durante il conflitto, specialmente intorno ai ponti critici . Il ponte sullo stretto di Kerch, che collega la Russia con la Crimea, ha persino ricevuto chiatte esca coperte da riflettori radar che sono state posizionate nelle vicinanze. La cosa strana di tutto questo, però, è che l’Ucraina non ha armi a guida radar costruite per tali obiettivi. Anche i loro missili anti-nave Harpoon e Neptunedovrebbe essere usato in modo non tradizionale contro tali obiettivi. E anche se potessero colpirli, il loro effettivo effetto sulle pesanti strutture dei ponti potrebbe essere relativamente minimo. In ogni caso, la tattica risale a molti anni fa ai tempi sovietici e rimane chiaramente nel manuale di emergenza del paese.

I palloni potrebbero anche avere un effetto di contromisura secondario, anche se limitato, ancora più datato, come palloni di sbarramento.

Un pallone di sbarramento può manifestarsi in varie dimensioni e forme, ma tutti hanno lo scopo di presentare pericoli per gli aerei a bassa quota. È inoltre possibile dispiegare più palloni di sbarramento contemporaneamente, legati l’uno all’altro e al suolo da una rete di cavi, che può rappresentare un dannoso rischio di collisione per gli aerei in avvicinamento. Nel complesso, rendono più difficile per gli aerei nemici operare a bassi livelli. Sebbene questo non sia realmente rilevante per la maggior parte dei moderni aerei da combattimento – ecco perché il pallone di sbarramento è scomparso dal servizio – è potenzialmente rilevante per i droni a bassa quota.

I palloncini di sbarramento, quando fecero la loro prima apparizione nella prima guerra mondiale , erano tipicamente realizzati in tessuto a trama fitta che assumeva la forma di una sfera o di un dirigibile. Chiamato anche pallone aquilone, il dispositivo è stato quindi parzialmente riempito di idrogeno, che potrebbe creare una palla di fuoco impressionante e pericolosa se gli aerei da combattimento ne distruggessero uno. Durante la seconda guerra mondiale, tuttavia, i palloni di sbarramento realizzati con gomma vulcanizzata e gomma Thiokol divennero più comuni. In alcuni casi, la rete o il cablaggio legato tra di loro li rendeva letali per i bombardieri in picchiata e gli aerei mitragliatori anche se riuscivano a evitare il pallone stesso. Di conseguenza, l’aereo è stato costretto a volare più in alto, diminuendo notevolmente la precisione e guidandolo in fitte difese aeree. Dopo la seconda guerra mondiale, tuttavia, i palloni di sbarramento smisero rapidamente di essere utilizzati su larga scala dalle principali forze armate poiché i progressi nel combattimento aereo li rendevano molto meno rilevanti di quanto non fossero una volta. Ma il panorama delle minacce sta cambiando e così anche i mezzi con cui affrontarlo.

I droni, in particolare i tipi “kamikaze” a lungo raggio che raggiungono i loro obiettivi con il pilota automatico, rappresentano una grave minaccia per le infrastrutture critiche e possono essere impiegati in massa e su grandi distanze, qualcosa di cui The War Zone ha a lungo messo in guardia . Da allora il tono della minaccia rappresentata dai sistemi senza pilota di fascia bassa è cambiato e la discussione è cambiata su quanto saranno fondamentali questi tipi di droni armati nelle future guerre di fascia alta. Il conflitto tra Russia e Ucraina ha solo enfatizzato questa realtà .

Mentre i palloni di sbarramento nel loro periodo di massimo splendore erano certamente abbastanza efficaci da scoraggiare i piloti della prima e della seconda guerra mondiale, l’emergere di munizioni vaganti, come quella del drone Chien Hsiang sviluppato localmente da Taiwan, era ancora lontana dal diventare una realtà. Sebbene esistesse un’altra minaccia aerea autonoma, quella che i palloni di sbarramento riuscirono a sconfiggere con notevole successo, il che potrebbe dare credito al loro potenziale impiego contro i droni moderni.

La bomba volante V-1 era un primo progetto di missile da crociera a propulsione a reazione utilizzato dalla Luftwaffe tedesca prevalentemente contro Londra durante la seconda guerra mondiale. Soprannominato buzz bombs o doodlebugs dagli alleati, il missile V-1 non era radiocomandato e volava invece verso il bersaglio designato con l’aiuto di una capacità di pilota automatico di base che utilizzava un sistema di guida giroscopico e una bussola magnetica per controllare il posizionamento della munizione mentre in volo. Una volta che il V-1 si fosse avvicinato al suo obiettivo, si sarebbe tuffato verso di esso in un modo simile alle odierne munizioni vaganti. Per molti versi, i droni kamikaze a lungo raggio di oggi sono i successori del V-1, così come i missili da crociera sotto un aspetto diverso.

Delle migliaia di missili V-1 che furono distrutti da vari aerei da combattimento e altri sistemi di difesa aerea durante la seconda guerra mondiale, i palloni di sbarramento schierati su Londra furono responsabili della neutralizzazione di circa 231 di queste bombe volanti. Oggi, per lo meno, potrebbero introdurre un’altra variabile difensiva da superare per droni a bassa quota e missili da crociera, che mancano di senso dinamico e capacità di evitare. Ciò avrebbe anche un certo livello di valore deterrente, a seconda dei sistemi disponibili da impiegare contro l’obiettivo e delle loro capacità.

Non è chiaro se questi palloni dotati di riflettori radar siano o meno una componente comune della strategia di difesa aerea della Cina. Ma il riemergere del pallone per difendersi dagli attacchi aerei è comunque uno sviluppo curioso e intrigante.

Contatta l’autore: Emma@thewarzone.com e Tyler@thedrive.com

https://twitter.com/jesusfroman/status/1593590309879009282?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1593590309879009282%7Ctwgr%5E9ca29a322f08f783ecf95605008f63abb31db173%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.thedrive.com%2Fthe-war-zone%2Fchina-seen-using-radar-reflector-balloons-to-defend-key-targets

Solo dopo che sarà reso disponibile ( sempre che ci sia) il video si potrà fare una analisi più dettagliata e corretta , al momento rimango in attesa …

Nuove immagini UAP trapelate dal DoD: UAP “Mosul Orb” Pubblicate da Jeremy Corbell e George Knapp

https://www.theblackvault.com/documentarchive/new-uap-leaked-imagery-from-the-dod-mosul-orb-uap-published-by-jeremy-corbell-george-knapp/

È passato del tempo da quando le immagini di UAP sono state “trapelate” e pubblicate da Jeremy Corbell e George Knapp, ma nelle prime ore del mattino del 24 gennaio 2023 è stato rivelato un nuovo caso di UAP.

Durante la premiere del loro nuovo ” Podcast armato “, Corbell e Knapp hanno rivelato quello che chiamano “Mosul Orb”.

Ecco la massima risoluzione disponibile:

Ringraziamo The Daily Mail per aver coperto prima la storia, come scritta da Josh Boswell e Chris Sharp.

Sull’account Instagram di Corbell , ha aggiunto il seguente contesto:

MOSUL ORB: L’esercito americano ha filmato un UFO da una zona di conflitto attiva – ufficialmente designata dal governo e dalle agenzie di intelligence degli Stati Uniti come UAP (Fenomeni anomali non identificati) e attualmente parte delle indagini UAP attive sotto il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Puoi ascoltare e vedere di più su questo caso sul nuovo podcast e programma di Corbell e Knapp chiamato WEAPONIZED.

GUARDA E LEGGI PER INTERO: WeaponizedPodcast.com

Ecco alcuni dettagli su questo UFO filmato dai militari…

DATA / ORA – 16 aprile 2016 / UTC (Coordinated Universal Time)

POSIZIONE – Questa immagine e il filmato sono stati ripresi nella città di Mosul, nel nord dell’Iraq.

DURATA – Il video dura 4 secondi. L’UAP è visto “muoversi con uno scopo” in una direzione laterale attraverso il video (da sud a nord). L’UAP “orb” è visibile per circa 1 secondo, mentre si sposta attraverso l’inquadratura.

TIPO DI IMAGING – FMV (Full Motion Video) / FMV combina sensori elettro-ottici (EO) e infrarossi (IR) e altri sensori di immagini in movimento basati su video in una sintesi di intelligenza completa con dati video geospaziali.

VEICOLO DA RICOGNIZIONE – MC-12 / Un velivolo bimotore turboelica da quota medio-bassa. La sua missione principale è fornire supporto di intelligence, sorveglianza e ricognizione direttamente alle forze di terra.

HUB DI ANALISI INIZIALE – DGS-1 (Distributed Ground System numero 1, Langley AFB, Virginia) / Il Distributed Ground Center di Langley-Eustis (designato DGS-1), si concentra sull’intelligenza delle immagini e sull’intelligenza dei segnali elettronici e supporta principalmente il comando centrale degli Stati Uniti ( CENTCOM). Il DGS-1 vaglia e diffonde i dati del sensore ISR che fluiscono nella Joint Base Langley-Eustis, Virginia, quartier generale del 480th Intelligence, Surveillance and Reconnaissance Wing.

Sul sito Web ExtraordinaryBeliefs.com di Corbell , qui ha scritto quanto segue (vedi link per l’articolo completo):

SFONDO

Il 1° maggio 2020 è stato generato un briefing riservato sulla presenza UFO/UAP, tramite l’Office of Naval Intelligence (ONI). Questo briefing UAP si basa su un precedente briefing ONI, generato il 18 ottobre 2019. Entrambi sono stati distribuiti su un’ampia gamma di piattaforme di networking di intelligence (come SIPRNet, JWICS e vari sistemi Intelink). Il briefing dell’intelligence UAP è stato caricato e distribuito più di recente il 4 novembre 2021.

Questo video UFO “Mosul Orb” è incluso nella suddetta presentazione audiovisiva educativa UAP. Questo briefing è stato generato e popolato su piattaforme di intelligence per istruire le forze armate degli Stati Uniti e la comunità dell’intelligence sulla natura e sulla presentazione del fenomeno UAP / UFO. Coloro che hanno familiarità con la creazione del briefing affermano che l’obiettivo è de-stigmatizzare il problema degli UAP e promuovere una maggiore raccolta di informazioni riguardanti le incursioni degli UAP e gli incontri con dispiegamenti militari attivi. Sebbene il filmato “Mosul Orb” sia contenuto in un briefing riservato, l’immagine stessa rimane non classificata.

Secondo le coordinate geografiche incorporate nel frame, è confermato essere Mosul, Iraq, secondo l’utente di Twitter ” Flarkey “:

Man mano che vengono svelate ulteriori informazioni, questo articolo verrà aggiornato.

Battaglia di Mosul (2016-2017)

La battaglia di Mosul (2016-2017) (arabo: معركة الموصل, Ma’rakat al-Mawṣilcurdo: شەڕی مووسڵ, Şeriy Mûsil) è stata un’importante campagna militare lanciata dalle forze del governo iracheno e milizie alleate, il Governo Regionale del Kurdistan, e forze internazionali per riconquistare la città di Mosul sottraendola allo Stato Islamico del Levante (ISIS-ISIL), che aveva preso la città nel giugno 2014. Nel corso dell’intervento militare contro l’ISIS, forze irachene e peshmerga avevano già infruttuosamente tentato di riprendere la città nel 2015 e nel 2016,sia pure con limitati recuperi di territorio.
L’offensiva, soprannominata Operazione “Arriviamo, Ninive” (arabo: قادمون يا نينوى ; Qadimun Ya Naynawa), iniziò il 16 ottobre 2016, con l’assedio alle zone controllate dall’ISIS nel Governatorato di Ninive attorno a Mosul, e continuò con le truppe irachene e i combattenti peshmerga che impegnavano l’ISIS su tre fronti fuori Mosul, spostandosi di villaggio in villaggio nelle vicinanze, con il più grande dispiegamento di forze irachene dopo l’invasione dell’Iraq del 2003.
All’alba del 1 novembre 2016 le forze speciali irachene entrarono in città da est. Incontrando un’aspra resistenza, l’avanzata governativa in città fu rallentata da elaborate difese e dalla presenza di civili, ma il premier iracheno dichiarò avvenuta la “totale liberazione della parte est di Mosul” il 24 gennaio 2017.
Il 9 luglio 2017 il Primo ministro iracheno arrivò a Mosul per annunciare la vittoria sull’ISIS, e la dichiarazione formalmente fu rilasciata il 10 luglio. Ciononostante, ci furono ancora duri scontri in una sacca di resistenza dell’ISIS nella città vecchia, per almeno altre due settimane. È stato stimato che rimuovere gli ordigni inesplosi da Mosul e ricostruire la città nei successivi 5 anni costerà 50 miliardi di dollari (in valuta del 2017), e il ripristino della sola città vecchia di Mosul richiederà circa 1 miliardo di dollari.
La battaglia di Mosul fu concomitante con la battaglia di Sirte (2016) in Libia, e con la campagna di Raqqa (2016-2017) condotta dalle Forze Democratiche Siriane contro la capitale e roccaforte dell’ISIS in Siria.
Un carro iracheno T-72 a Falluja, giugno 2016.
/ 5
Grazie per aver votato!
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %